Superbonus 110% cos’è e come funziona

Il Decreto Rilancio del 19 maggio scorso ha portato grandi novità ed opportunità nel panorama delle detrazioni fiscali per chi vuole ristrutturare il proprio immobile. Parliamo del cosiddetto Superbonus 110% , un’importante agevolazione per gli interventi di riqualificazione energetica e miglioramento sismico.

ristrutturare e arredare casa al mare

Ristrutturare e arredare casa al mare low cost

Acquistare e ristrutturare la seconda casa al mare. Il desiderio di Fabio e Milena era di dargli un tocco di unicità con un arredo in stile marinaro e un budget limitato. Cercavano qualcuno che li sapesse consigliare nella scelta dell’arredo e li guidasse in tutte le fasi della ristrutturazione.

Porto Recanati centro

Comprare casa da ristrutturare a Porto Recanati. Scopri dove.

Eccoci di nuovo qua! Dopo il nostro tour per i quartieri di Castelfidardo ci siamo diretti in perlustrazione verso il mare, a Porto Recanati. Città molto cara per noi, nella quale abbiamo deciso di vivere e in cui ci siamo trasferiti da pochi giorni. In questo articolo vi raccontiamo tutte le considerazioni fatte prima di questa scelta di vita non da poco.

Rientro dalle vacanze

Rientro dalle vacanze: 5 cose da fare a casa per ricominciare senza stress

Si sa, il rientro a casa dopo le ferie estive è un trauma per molti di noi! Le abbiamo sognate, programmate nel minimo dettaglio e tanto aspettate. Fino a ieri, distesi al sole a sorseggiare una fresca bibita, gli unici pensieri erano quale locale scegliere per la serata o quale spiaggia visitare l’indomani.
Ma tutto ha una fine, come questa tanto desiderata pausa estiva. Si rientra a casa e il pensiero di riprendere la solita frenetica routine tra il lavoro, l’agenda piena di appuntamenti e gli impegni con i bambini e la famiglia sembra insormontabile. E adesso? Come superare la sindrome da rientro dalle ferie?
Vi svelo il mio segreto per ripartire senza stress! Io ricomincio dalla casa!

come ottenere detrazione 110

Superbonus 110% Come ottenere la detrazione

Il Decreto Rilancio del 19 maggio scorso ha portato grandi novità ed opportunità nel panorama delle detrazioni fiscali per chi vuole ristrutturare il proprio immobile. Parliamo del cosiddetto Superbonus 110% , un’importante agevolazione per gli interventi di riqualificazione energetica e miglioramento sismico.

soggiorno home design

Come ricavare un grande soggiorno per le cene con gli amici

Dopo una settimana di lavoro e vita al cardio palma, Lucia e Andrea adorano invitare la loro comitiva di amici a cena.
Il sabato sera tra birra, pizza e piacevoli chiacchiere riescono finalmente a rilassarsi e si rigenerano.
Il soggiorno del loro appartamento anni ’80 è, come la tradizione vuole per le costruzioni di quegli anni, stretto e piccolo a causa del muro che divide soggiorno e cucina.
Si tendeva a quel tempo a collocare la cucina, detta anche “cucinino”, in una stanza di dimensioni ridotte. Il decalogo della casalinga perfetta voleva che la casa, appunto, fosse sempre in ordine e perfetta.

Quale migliore stratagemma se non chiudere la porta della cucina e nascondere fornelli e lavabo in disordine in caso di ospiti improvvisi?Dalle case al mare della splendida Riviera del Conero di Marcelli, Numana, Sirolo e Porto Recanati, agli appartamenti nei centri storici e nelle periferie di Osimo, Castelfidardo e Loreto, fino alle zone residenziali con abitazioni di recente edificazione di Ancona e dintorni.

Castelfidardo i quartieri dove si vive meglio

Castelfidardo, i quattro quartieri dove si vive meglio

Da quando è nata Home Design e stabilito il nostro ufficio a Castelfidardo abbiamo avuto modo di ristrutturare abitazioni in molte zone della nostra amata Regione Marche.
Dalle case al mare della splendida Riviera del Conero di Marcelli, Numana, Sirolo e Porto Recanati, agli appartamenti nei centri storici e nelle periferie di Osimo, Castelfidardo e Loreto, fino alle zone residenziali con abitazioni di recente edificazione di Ancona e dintorni.

superbonus 110% lavori a costo zero

Superbonus 110%. Lavori a costo zero, è davvero possibile?

Un mese esatto al 19 luglio, data in cui il DL Rilancio diventerà Legge, e in queste settimane si stanno già verificando situazioni alquanto anomale: imprese che firmano contratti per i lavori inerenti il Superbonus 110%, prezzi per l’installazione di impianti fotovoltaici raddoppiati rispetto a qualche mese fa ed altre pratiche che rischiano di inquinare questo settore e le grandi opportunità di questi incentivi.

Dicono di noi

Ufficiale: proroga delle detrazioni fiscali per tutto il 2016!

Come ogni anno si è fatta attendere fino agli ultimi giorni di Dicembre l’approvazione della legge finanziaria 2015, è stata infatti pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30/12/2015 ed è in vigore dal primo Gennaio 2016.

Con essa vengono confermate tutte le agevolazioni fiscali e cioè:

  • 65% per gli interventi di riqualificazione energetica entro il limite massimo di spesa che varia a seconda della tipologia dell’intervento eseguito (riscaldamento, finestre, infissi, coibentazioni, pavimenti, pannelli solari per l’acqua calda, climatizzazione invernale, schermature solari). Il bonus è concesso anche per gli interventi relativi alle parti comuni degli edifici condominiali;
  • 50% per le ristrutturazioni, fino ad un ammontare complessivo non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare, e per il connesso acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, (per i forni la classe A), fino a 10.000 euro di importo massimo. La detrazione è pari al 65% in caso di interventi relativi all’adozione di misure antisismiche.

Da quest’anno è possibile inoltre, per tutti i soggetti ricadenti nella così detta No Tax Area, cioè pensionati, autonomi e dipendenti, di poter cedere la detrazione fiscale spettante per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali ai fornitori che hanno effettuato i lavori. Le modalità della cessione verranno definite da un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

La vera novità però riguarda l’introduzione di un super bonus mobili per le giovani coppie, unite in matrimonio o conviventi da almeno 3 anni, per arredare la casa acquistata.

Per potervi accedere è necessario che almeno di uno dei due componenti della coppia abbia meno di 35 anni di età. Nel caso in cui si sia in possesso di tutti i requisiti descritti, si può accedere ad una detrazione del 50% delle spese sostenute per l’arredo della propria casa su un massimo di spesa pari a 16.000 €, contro i 10.000 € per tutti gli altri soggetti. Le spese per i mobili possono essere effettuate per tutti il 2016. Un grande vantaggio è quello di poter accedere alla detrazione per l’acquisto di mobili senza dovere effettuare lavori di ristrutturazione, di contro non è possibile applicarla per l’acquisto di elettrodomestici.

Anche il 2016 può essere quindi l’anno giusto per rinnovare la propria casa o semplicemente arredarla!

Lo staff di Green Home Design.

05

 

Decreto Sblocca Italia

Sblocca Italia, è legge.

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 164/2014 così detta Sblocca Italia la quale contiene diverse novità in ambito edilizio.

In essa sono previsti deduzioni Irpef per chi acquista una casa in classe energetica A o B  e per chi ristruttura case esistenti per poi affittarle a canone concordato per almeno 8 anni.

Importante novità si registrano sulle semplificazione delle pratica edilizie e sulle agevolazioni riguardanti la richiesta di permessi di costruire.

La prima riguarda la possibilità di presentare una CIL (comunicazione inizio lavori) al posto della famigerata SCIA per interventi di manutenzione straordinario come frazionamenti o accorpamenti di abitazioni cosa che accorcerà i tempi e i costi di tali interventi.

La seconda vede l’introduzione di un Regolamento Edilizio Unito per tutto il territorio nazionale, che andrà a sostituire la sterminata varietà dei regolamenti edilizi presenti oggi (ogni comune ha il suo!). Questa novità appare quasi come un miraggio per molti tecnici, si attende ora l’attuazione di tale provvedimento da parte di tutti gli enti interessati.

Un’altra importante novità riguarda la possibilità di ottenere un permesso di costruire in deroga alle destinazioni d’uso (finora concesso solo alle opere pubbliche) e alla riduzione degli oneri di urbanizzazione, ciò permetterà ai comuni di incentivare la ristrutturazione edilizia al fine di contenere il consumo di suolo.

Il mutamento di destinazione d’uso non dovrà comportare aumento della superficie coperta e per ottenerlo si dovrà attestare l’interesse pubblico dell’intervento attraverso una delibera comunale.

Ora non resta che attendere l’approvazione del Disegno di Legge di Stabilità 2015 nel quale dovrebbe essere confermato il bonus Irpef del 50% per le ristrutturazioni edilizie anche per l’anno 2015.

Magari  non si riuscirà a sbloccare davvero l’Italia, ma una piccola mano all’edilizia speriamo che riesca a darla questa legge!

Per qualsiasi chiarimento in merito alla legge non esitate a contattarci!

Il team di Green Home & Design.

sblocca

 

ristrutturazione edilizia

Il punto sulle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie

Ristrutturare le proprie abitazioni oggi è molto conveniente, soprattutto grazie alle agevolazioni fiscali introdotte dal governo nel 2011 e ora diventate strutturali. In cosa consistono queste agevolazioni? Al contrario di quello che alcuni possono credere, non sono contributi elargiti direttamente dallo stato ma sono una quota degli importi spesi per i lavori di ristrutturazione che è possibile detrarre dall’IRPEF (decreto legge 201/2011), spalmata in 10 anni.

Le novità più recenti sono state introdotte:

 

  • dal decreto legge n. 83/2012, che ha elevato, per le spese effettuate dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, la misura della detrazione (50%, invece di quella ordinaria del 36%) e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio (96.000 euro per unità immobiliare, invece che 48.000 euro)

 

  • dal decreto legge n. 63/2013, che ha esteso questi maggiori benefici alle spese effettuate entro il 31 dicembre 2013

 

  • dalla legge n. 147/2013 (legge di stabilità 2014), che ha prorogato al 31 dicembre 2014 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%), sempre con il limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare, e stabilito una detrazione del 40% per le spese che saranno sostenute nel 2015.

 

Dal 1° gennaio 2016 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

La legge di stabilità 2014 ha inoltre prorogato:

1. la detrazione delle spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche su costruzioni che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità, se adibite ad abitazione principale o ad attività produttive.

Per questa detrazione sono state fissate le seguenti misure

  • 65%, per le spese effettuate dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2014
  • 50%, per le spese sostenute dal 1º gennaio 2015 al 31 dicembre 2015

L’ammontare massimo delle spese ammesse in detrazione non può superare l’importo di 96.000 euro.

2. la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione. Per questi acquisti sono detraibili le spese documentate e sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014. A prescindere dalla somma spesa per i lavori di ristrutturazione, la detrazione va calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro e ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

ristrutturazione edilizia

Credits rm-technology

Tra le principali regole e i vari adempimenti modificati da altre recenti disposizioni si segnala, infine:

  •  l’abolizione dell’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara
  •  la riduzione della percentuale (dal 10 al 4%) della ritenuta d’acconto sui bonifici che banche e Poste hanno l’obbligo di operare
  •  l’eliminazione dell’obbligo di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori
  •  la facoltà riconosciuta al venditore, nel caso in cui l’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti i lavori sia ceduta prima che sia trascorso l’intero periodo di godimento della detrazione, di scegliere se continuare a usufruire delle detrazioni non ancora utilizzate o trasferire il diritto all’acquirente (persona fisica) dell’immobile
  •  l’obbligo per tutti i contribuenti di ripartire l’importo detraibile in 10 quote annuali; dal 2012 non è più prevista per i contribuenti di 75 e 80 anni la possibilità di ripartire la detrazione, rispettivamente, in 5 o 3 quote annuali
  •  l’estensione dell’agevolazione agli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Chi può fruire della detrazione

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato. L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:

  •  proprietari o nudi proprietari
  •  titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  •  locatari o comodatari
  •  soci di cooperative divise e indivise
  •  imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce
  • soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali. Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché sostenga le spese e siano a lui intestati bonifici e fatture.

Chi può fruire della detrazione

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato. L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:

  •  proprietari o nudi proprietari
  •  titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  •  locatari o comodatari
  •  soci di cooperative divise e indivise
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce
  •  soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali. Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché sostenga le spese e siano a lui intestati bonifici e fatture.

Che dire, è il momento giusto di rinnovare la propria casa!

decreto competitività

Decreto competitività

Con l’approvazione della legge 116/2014 sono stati stanziati 350 milioni di euro per l’efficientamento energetico di scuole e università pubbliche e si prevede un credito di imposta del 15% per l’acquisto di nuovi macchinari. Si introducono finanziamenti agevolati affinché si attuino interventi per incrementare l’efficienza energetica degli edifici scolastici, con un massimo di 350 milioni di euro in totale.

I fondi saranno elargiti dopo l’esecuzione della diagnosi energetica dell’edificio interessato e dopo aver redatto la certificazione energetica nella quale dovrà emergere che si è effettivamente conseguito un miglioramento dell’efficienza energetica di almeno due classi energetiche in tre anni. Il costo finanziabile dell’intervento per singolo edificio non può superare un milione di euro se riguarda solo gli impianti e 2 milioni di euro se si procede alla riqualificazione di tutto l’edificio.

Per quanto riguarda il costo relativo all’anailisi, l’audit energetico e la diagnosi, l’importo massimo è di 30 mila euro.

I finanziamenti saranno concessi  attraverso il fondo rotativo “Kyoto” con un tasso di interesse dello 0,25%, cioè la metà di quello previsto per i finanziamenti del fondo Kyoto.

decreto competitività

Credits giornalettismo

 

Ristrutturazione

E’ davvero così conveniente ristrutturare oggi?

In tempo di crisi come quello attuale in molti si stanno chiedendo se è il momento giusto di investire in una ristrutturazione oppure meglio aspettare tempi migliori. La risposta è semplice: questo è il periodo ideale! Ma perché conviene fare i lavori proprio adesso?

Il  motivo principale sta nella possibilità di poter usufruire degli incentivi fiscali stabiliti dal Governo da ormai alcuni anni. Più precisamente parliamo di detrazioni IRPEF pari al 50 % dell’importo investito nei lavori (fino ad un massimo di 96mila euro) fino al 31 dicembre 2015.

Un vantaggio sicuramente non di poco conto, se si considera che è possibile usufruire di tali detrazioni anche per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici  finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.

Altra possibilità da non lasciarsi sfuggire è quella di usufruire degli incentivi per la riqualificazione energetica degli edifici. Vediamo cosa significa. Semplicemente sono tutti quegli interventi che servono a migliorare l’efficienza energetica dell’edificio, cioè migliorare l’isolamento delle pareti, sostituire o migliorare l’impianto di riscaldamento e di condizionamento.. e tanti altri! Alla fine si avrà un edificio che consumerà molto meno e sarà più accogliente e funzionale.

Tutto questo con un investimento iniziale che sarà recuperato del 65% attraverso il meccanismo della detrazione fiscale, per tutti i lavori eseguiti fino al termine del 2015.

Il nostro team è in grado di indirizzarvi nella scelta più adatta alle vostre esigenze valutando insieme a voi quello che può essere l’intervento migliore in base alle risorse disponibili, gestendo ogni aspetto del processo di rinnovamento della vostra casa, dalla progettazione alla realizzazione..fino agli arredi!

Non esitate a contattarci, è il momento di approfittarne ora!

Il team di Green Home & Design.

Ristrutturazione

Credits Edilsole